Operazione long su NZD/JPY.

Ho effettuato un’operazione long su NZD/JPY nell’ambito di un consolidato trend ribassista.

E’ opinione diffusa che il contesto migliore per inserire ordini a mercato, soprattutto all’inizio, è quello di lavorare a favore di trend.

E’ concettualmente giusto. Tuttavia, inserire ordini in fasi di controtrend può essere altrettanto profittevole;

a patto che si abbia la necessaria esperienza per farlo.

Di seguito pubblico lo screenshot weekly di NZD/JPY per mostrare la fase di trend short in atto:

è un trend regolare, come si vede: massimi e minimi si susseguono in maniera decrescente.

L’attenzione, però, va focalizzata sul livello di supporto statico in area 72.50.

Giunto su questo livello, il prezzo ha rallentato la sua fase ribassista; l’ultimo minimo, indicato dalla freccia nera, di fatto non è stato più violato.

Il trend ribassista, quindi, mostra una fase in cui soltanto i massimi continuano ad essere decrescenti: tecnicamente già possiamo dire che la fase di trend è interrotta o, se preferiamo, in stand-by.

Il supporto a 72.50 acquisisce, con il passare delle settimane, una notevole importanza: il prezzo continua ad essere respinto da esso.

Osserviamo adesso, di seguito, lo screenshot daily:

sul daily, la fase di breve lateralità che si è creata a causa del prezzo che non riesce a violare il livello a 72.50, produce una pinbar d’inversione rialzista;

questa pinbar, che va proprio a testare il livello a 72.50, è il segnale operativo che ci indica che si può inserire un ingresso a mercato di tipo long.

In pratica, questo segnale indica che ancora una volta il prezzo non riesce a proseguire la sua corsa al ribasso; solo che stavolta lo fa formando un segnale operativo.

Ecco come e perché è stato tecnicamente corretto inserire un’operazione long su NZD/JPY pur in un contesto sostanzialmente ribassista.

Dopo circa 24 ore dall’inserimento dell’ordine a mercato, l’operazione è già fuori dal rischio capitale; si può decidere di seguirla spostando manualmente lo stop o procedendo con un trailing stop automatico.

Se quest’articolo ti è piaciuto ti prego di condividerlo, oppure puoi lasciarmi un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.