L’UE al Regno Unito: 20 miliardi per la Brexit

L’UE prende posizione contro il Regno Unito. A Bruxelles hanno quantificato quale sarà, almeno in prima battuta, l’ esborso che i sudditi di Sua Maestà britannica dovranno sostenere per la Brexit.
Nelle scorse settimane il Primo Ministro Theresa May aveva annunciato che entro fine marzo 2017 avrebbe preso inizio formalmente il processo di uscita dalla UE.
Dal canto sua L’Unione Europea non è rimasta a guardare, anzi è passata al contrattacco. L’UE infatti ha cominciato a quantificare i costi. In un lungo articolo il Financial Times ha stimato in 20 miliardi di euro la cifra che il Governo britannico dovrà sostenere per uscire dall’ UE. A tanto ammonterebbero gli investimenti che la stessa UE avrebbe concesso al Regno Unito a vario titolo e che vanno restituiti nel momento in cui la Gran Bretagna esce di fatto dall’Unione Europea.

Si badi bene: 20 miliardi sono la cifra iniziale; per alcuni membri della Commissione europea il Regno Unito, all’atto dell’effettivo addio all’UE, dovrebbe far fronte a oneri che superano i 300 miliardi. Tale cifra comprende: obblighi finanziari calcolati andando a ritroso nel tempo, contratti stipulati con l’UE per realizzare infrastrutture, impegni pensionistici, ecc. Cifra che l’Unione Europea ha tutta l’intenzione di intascare.

Il malumore cresce tra i sudditi anche perché la Premier May ha intenzione di uscire dall’Ue senza chiedere l’approvazione del Parlamento.
In questo scenario di profonda incertezza la Sterlina continua inesorabile la sua discesa e, considerato che i modi e i tempi della Brexit sembrano essere sempre più lunghi e tortuosi, nulla lascia pensare ad un’inversione di tendenza.

Inoltre pare che il Regno Unito non voglia soltanto uscire dall’UE ma anche dal Mercato Unico; questo aggiunge altra carne al fuoco del dibattito.
Da un punto di vista puramente tecnico, per ciò che riguarda il Forex trading, sono da valutare eventuali ritracciamenti della Sterlina che potrebbero comunque fare da slancio per nuove fasi ribassiste.

Se quest’articolo ti è piaciuto lasciami pure un tuo commento, oppure condividilo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.