L’Euro ha mostrato una ripresa dopo il crollo di giovedì.

L’Euro ha mostrato una ripresa nei confronti del Dollaro americano dopo il forte ribasso avvenuto giovedì scorso, quando la BCE aveva ufficializzato le sue ultime decisioni.

Attraverso il Presidente Draghi, la BCE aveva comunicato che i tassi d’interesse sull’Euro sarebbero rimasti invariati, cioè a zero, per tutto il 2019;

oltre a ciò sarà avviata una nuova fase di finanziamenti agevolati alle banche denominata TLTRO.

Come detto l’Euro ha subito un forte calo, fino a violare, dopo molti mesi, lo storico livello di supporto in area 1.1300.

Già dalla giornata di venerdì scorso, però, l’Euro ha mostrato una ripresa nei confronti del Dollaro americano;

ad oggi, mentre scrivo, la valuta unica si è apprezzata di quasi 80 pips sul Dollaro.

Questa ripresa dell’Euro sul Dollaro si traduce in un interessante quadro tecnico ben visibile sul grafico daily di EUR/USD:

 

eur/usd
eur/usd

la freccia a sinistra mostra una fase di downtrend di circa due mesi;

questa fase si colloca comunque nell’ambito di un trend short di più ampia durata.

Ai fini puramente operativi, però, non è sempre necessario analizzare situazioni di trend temporalmente molto ampie; un trend di due mesi, come nel caso di EUR/USD, può essere sufficiente.

Analizzando lo screenshot in alto, si possono notare tre distinte fasi di trend alternate a tre distinte fasi di controtrend;

l’ultima, quella evidenziata dall’ellisse di colore arancione, è quella che punta in maniera decisa al “test” del livello in area 1.1300 dopo il crollo dell’Euro.

In questo momento, su questo pair, siamo in una fase molto importante: il ritracciamento attualmente in atto potrebbe concludersi, già nella giornata di domani, con un tentativo di violazione del livello a 1.1300;

se ciò avvenisse, con la formazione di un chiaro segnale operativo, sarebbe corretto entrare a mercato in posizione short.

Oltretutto la prospettiva di una tale operazione avrebbe un target di 1.1220/1.1165, quindi con buone prospettive di ottenere un ottimo risk/reward.

Se quest’articolo ti è piaciuto ti prego di lasciarmi un commento utilizzando il box in basso, grazie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.