L’Aussie è ribassista, ingresso short.

L’Aussie è ribassista da circa due mesi.

Aussie, ovviamente, è il nomignolo con cui è conosciuto nel Forex market il pair AUD/USD.

Il trend short che vede protagonista l’Aussie, ha prodotto un segnale operativo “coerente” con la direzionalità ribassista di AUD/USD.

Il segnale short, tuttavia, non è facilissimo da identificare; esso infatti si è verificato dopo un altro pattern grafico che ad un occhio meno esperto poteva sembrare valido, ma che invece non lo è.

Di seguito lo screenshot daily che può chiarire meglio quanto detto:

il trend short è molto evidente, tuttavia va analizzato con calma e molta attenzione. In esso infatti notiamo:

  • una fase laterale, dopo la prima fase di controtrend. Questa fase non va considerata poiché appunto è laterale e non controtrend. L’avremmo scartata anche se avesse presentato un segnale operativo;
  • un finto evening star (evidenziato dall’ellissi di colore giallo);
  • una pinbar di inversione ribassista.

L’attenzione maggiore va posta sul finto evening star e sulla pinbar. Si possono vedere meglio nell’ingrandimento seguente:

Perché ho parlato di finto evening star? Perché la terza candela del presunto pattern evidenziato nell’ellissi gialla non è una inside rispetto alla prima; quindi invalida la figura.

Perché la pinbar di inversione ribassista può essere considerata un segnale valido? Perché rappresenta un massimo relativo e si trova comunque al culmine di una fase di controtrend, anche se non si forma subito.

Ecco perché è importante saper riconoscere i segnali e i pattern.

Se fosse stato messo un ordine short sul finto evening star, esso fatalmente sarebbe andato in stop; e lo stop l’avrebbe preso proprio per effetto della pinbar ribassista.

Occhio dunque a i falsi segnali…bisogna allenare l’occhio guardando i grafici ogni giorno per qualche ora, specie all’inizio.

Dopo la pinbar l’Aussie riprende la direzione del macrotrend, anche se in questo momento non si è usciti dal rischio capitale.

Se quest’articolo ti è piaciuto ti prego di condividerlo, oppure lasciami un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.