La media mobile, cos’è e a cosa serve

Le medie mobili rappresentano probabilmente uno degli strumenti di analisi più conosciuto dell’andamento dei prezzi.

Una media mobile semplice è la rappresentazione grafica dell’andamento del prezzo degli ultimi “X” periodi.
Si definisce “media” perchè, stabiliti i periodi di riferimento, viene fatta una comunissima media matematica degli stessi,
quindi vengono sommati e poi divisi per il loro totale; “mobile” perchè man mano che si forma il prezzo successivo questo viene aggiunto alla somma
e viene cancellato quello più vecchio. In questo modo la “curva” della media assume un andamento dinamico e il calcolo può continuare sempre.

La scelta del numero di periodi con i quali costruire una media mobile, dipende dal tipo di informazione che si vuole ottenere.
Se io scelgo, ad esempio, di costruire una media mobile con gli ultimi 15 livelli di prezzo otterrò un’informazione basata sul breve periodo;
se scelgo 30 o 50 livelli di prezzo costruirò una media basata sul medio periodo; se scelgo 100 o più livelli di prezzo con cui costruire la media mobile otterrò informazioni basate sul lungo periodo.

Ognuna di queste ha i suoi pro e i suoi contro:
una media costruita con periodi molto brevi può dare in anticipo segnali di ingresso rispetto ad una media di lungo periodo, ma molti di questi
potrebbero essere falsi per via dei cosiddetti “rumori d fondo” (uscita di notizie ecc…);
una media di lungo periodo evita i “rumori di fondo” ma potrebbe segnalare in ritardo i punti di ingresso.
E allora? Diciamo che sarebbe buona norma utilizzare su un grafico medie mobili di periodi diversi e costruire una strategia di trading che tenga conto dell’andamento di tutte poiché esse possono essere complementari per ciò che riguarda il tipo di informazione che forniscono.

Esse generalmente vengono usate per acquisire segnali d’acquisto o di vendita.
In linea molto generale viene considerato un segnale d’acquisto la perforazione della media mobile, da parte del prezzo, dal basso verso l’alto, mentre viene considerato un segnale di vendita la perforazione della media mobile dall’alto verso il basso.

La media mobile semplice ha infine la caratteristica di attibuire lo stesso peso specifico ad ogni singolo livello di prezzo.
Questa caratteristica la distingue dalle medie “ponderata” ed “esponenziale”.
Queste ultime due, infatti, attribuiscono più valore ai livelli di prezzo più recenti quindi la curva della media mobile cambia appunto perchè il peso
specifico dato agli ultimi livelli di prezzo viene preso maggiormente in considerazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.