La biblioteca di un trader: i testi immancabili.

La biblioteca di un trader è il titolo per un articolo che avevo intenzione di scrivere già da un pò di tempo.

Come mai? Perché mi sono reso conto, attraverso le email che ricevo o da quello che mi chiedono di persona, che c’è una domanda che ricorre spesso;

e cioè: quali libri consiglieresti a chi si avvicina al mondo del trading in generale e del Forex in particolare?

Il senso di questa domanda è anche facile da capire;

i libri, i manuali tecnici, una volta acquistati li tieni li a disposizione e puoi consultarli ogni volta che hai un dubbio, una perplessità.

Insomma, anche se da una coach con un professionista impari i dettagli, le sfumature, che sono fondamentali, può capitare che ti venga un dubbio dopo un pò di tempo, e allora che fai?

Consulti il libro, che è un prezioso alleato, credetemi.

Io stesso, ovviamente, ho una personale biblioteca composta da svariati libri che, anche a distanza di anni, continuo ad apprezzare notevolmente;

a questo punto va detto che c’è una buona notizia:

almeno all’inizio, quando si sta ancora imparando, i testi che mi sento di consigliare non sono tantissimi, e sono testi sui quali credo che molti tra quelli che si occupano di trading saranno d’accordo con me;

la notizia forse meno buona è che sono testi abbastanza grossi (tra le 400 e le 600 pagine) ed anche molto tecnici, quindi che non si possono studiare se si è completamente a digiuno della materia.

Comunque, di seguito vi elenco i libri che devono far parte della biblioteca di un trader, non prima di aver chiarito un punto importante però:

non ho alcun accordo commerciale con gli autori di questi libri;
il mio consiglio è totalmente disinteressato.

Libro numero 1:

Analisi tecnica dei mercati finanziari” di John Murphy;

da molti definito la Bibbia del trading.

Avvicinarsi al mondo del trading e non avere questo libro è un pò come…decidere di fare il meccanico e non avere la chiave inglese: impossibile.

Grazie a questo libro, pubblicato per la prima volta nel 1991, accrescerete enormemente la vostra cultura tecnico/finanziaria. Un must.

Libro numero 2:

Manuale di analisi candlestick” di Gregory L. Morris;

per chi guarda i grafici a candele e opera secondo i principi della “price action” questo è un libro imperdibile.

Troverete tutti i pattern candlestick possibili, suddivisi in maniera perfetta e corredati di commento e spiegazione. Ottimo.

Libro numero 3:

Diary of a professional Commodity Trader” di Peter L. Brandt;

purtroppo solo in inglese, ma non c’è da scoraggiarsi: con un pò di pazienza e l’aiuto del traduttore di Google riuscirete a venirne a capo brillantemente e, credetemi, ne varrà la pena.

il sottotitolo di questo libro recita: “Lessons from 21 weeks of real trading”;

praticamente una serie di operazioni compiute da Peter Brandt e commentate da lui stesso.

L’elenco di manuali tecnici potrebbe continuare: da quelli scritti da Joe Ross a quelli di Patrick Mikula, senza tralasciare alcuni validi autori italiani:

da Maurizio Mazziero a Daniele Ponzinibbi, da Enzo Mauro a Daniele Livio Dainesi…insomma, l’elenco sarebbe lungo.

Tuttavia, i tre libri che sicuramente devono far parte della biblioteca di un trader sono quelli descritti sopra;

fatevi affiancare da un trader professionista e costruite la vostra personale biblioteca: sono questi i due passi fondamentali per cominciare col piede giusto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.