Il rally sulla Sterlina ha ritracciato.

Il rally sulla Sterlina, precisamente sul cross Sterlina-Dollaro neozelandese, ha ritracciato la scorsa settimana,

però lo ha fatto in una maniera che è stato possibile distinguere solo sul grafico giornaliero.

Ho sempre sostenuto, e qui lo ribadisco, che il grafico settimanale deve essere utilizzato principalmente per un’analisi di tipo contestuale,

può capitare, ed è capitato, di effettuare dei trade direttamente sul grafico weekly,

ma solitamente l’operatività la svolgo sul grafico giornaliero.

Dico questo per una semplice ragione:

quando si analizza il grafico weekly, anche se apparentemente non mostra una situazione tecnica interessante,

prima di passare ad analizzare un altro cross bisogna sempre “verificare” anche la situazione tecnica sul daily;

capita che si possono trovare situazioni tecniche interessanti.

E’ il caso di Sterlina-Nzd. Cominciamo dal grafico weekly:

 

il rally sulla Sterlina ha ritracciato impercettibilmente
il rally sulla Sterlina ha ritracciato impercettibilmente

i rettangoli disegnati sullo screenshot mostrano le aree di prezzo nelle quali il tasso di cambio ha interrotto la sua fase direzionale;

fase direzionale che si è mostrata di natura rialzista fino a i primi di Maggio

(quando il canale rialzista è stato violato al ribasso).

Da quel momento è iniziato il rally ribassista tutt’ora in atto, tant’è vero che non si vedono candele di tipo rialzista (verdi);

si nota però, evidenziata nell’ellisse azzurra, una candela di tipo “spinning top”:

in questo punto il prezzo ha interrotto la sua discesa.

Guardiamo lo screenshot daily:

il rally sulla Sterlina ha creato un'opportunità sul daily
il rally sulla Sterlina ha creato un’opportunità sul daily

sul daily l’interruzione del rally al ribasso si traduce in un lieve ritracciamento con la conseguente formazione di una pinbar d’inversione ribassista;

pinbar sulla quale è corretto inserire un ordine di tipo short.

Il giorno dopo la pinbar si vede come il prezzo tentenna nei pressi della resistenza a 1.9500 prima di riprendere la discesa realizzando un buon gain.

E’ importante distinguere l’analisi contestuale da quella per fini operativi;

a volte possono coincidere, ma anche quando coincidono bisogna sapere che rappresentano due modi diversi di osservare il grafico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.