Il doppio top: riconoscerlo e tradarlo

Il doppio top, dopo il testa e spalle, è un’altra formazione molto comune d’inversione. Questa figura si verifica quando si formano due massimi allo stesso livello intervallati da un punto che identifica un ritracciamento. Dopo il completamento di questa figura solitamente si verifica un’inversione di trend. La descrizione appena fatta è valida ma deve necessariamente essere confortata da una serie di peculiarità che rendono questa figura d’inversione più affidabile. Vediamo dunque quali sono osservando anche l’immagine sottostante per capire meglio a livello grafico:

doppio_top

nota: l’esempio nella figura riguarda un grafico orario (H1). L’ho inserito solo a scopo didattico, per rendere chiaro il concetto. Ma io non trado su grafici inferiori al D1.

  • essendo il doppio top una figura d’inversione deve essere necessariamente preceduto da un trend ampio e ben sostenuto;
  • deve essere, con le ovvie differenze, ben visibile sia sul grafico settimanale che su quello giornaliero;
  • i due massimi di prezzo (A e C) devono essere separati da almeno otto candele sul grafico settimanale (ossia due mesi di contrattazioni);
  • tra i punti A e B e i punti B e deve esserci lo stesso numero di candele o al massimo una differenza di tre candele tra una distanza e l’altra (sempre sul grafico settimanale) .

Quelle appena descritte sono dunque le caratteristiche principali di un doppio top. Vediamo ora, con l’aiuto dell’immagine in alto, come possiamo tradarlo.

Quando ci rendiamo conto che la figura si è completata tracciamo una linea passante per i minimi più significativi (quella indicata nell’immagine come linea di supporto). Se la figura che abbiamo riconosciuto come doppio top è valida dobbiamo aspettare che il prezzo rompa la linea di supporto e chiuda al di fuori di essa. L’ingresso a mercato va settato sugli estremi della candela che rompe la linea di supporto; essendo il doppio top una figura d’inversione ribassista l’ingresso sarà ovviamente short:

  • ingresso 10 pip sotto il minimo della candela;
  • stop loss 10 pip sopra il massimo della candela.

Tutto questo, naturalmente, senza mai dimenticare la cosa più importante di tutte: il money management.

Condividi quest’articolo se ti è piaciuto, oppure lascia un commento. Buon trading!


   One Comment


  1. Trixie
      12 Agosto 2016

    I want to send you an award for most helpful inenrett writer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.