Gain sul cross GBP/NZD.


Risulta essere interessante il gain sul cross GBP/NZD, ben visibile sul grafico daily.

Premessa: la valuta britannica continua ad essere chiaramente sotto pressione, per via delle note vicende legate alla Brexit;

a tal proposito va ricordato che la data ufficiale di uscita dalla UE da parte del Regno Unito, rimane confermata al 29/03/2019 e, ad oggi, ancora non si registra una posizione comune da parte del Governo britannico.

E’ chiaro che con l’inesorabile trascorrere del tempo e l’avvicinarsi della deadline del 29 Marzo, la Sterlina, sul Forex, mostra, come è avvenuto di recente, escursioni di prezzo alquanto violente.

Nel giro di una decina di giorni, forse già a partire da domani stesso, il Governo britannico riprenderà gli incontri per definire una comune linea di condotta da presentare ai negoziatori dell’UE.

Fatta questa doverosa premessa, va comunque registrato che la pressione a cui è sottoposta la Sterlina non manca di offrire interessanti spunti operativi.

Il gain sul cross GBP/NZD è uno di questi.

Di seguito pubblico lo screenshot weekly per mostrare il contesto macro nel quale ci troviamo…

 

 

gbp/nzd

come si vede, per diversi mesi il cross GBP/NZD ha proceduto in fase laterale tra la resistenza in area 1.9545 e il supporto a 1.8960.

Questo canale orizzontale è poi stato violato, prima al rialzo e poi al ribasso;

naturalmente i livelli statici tracciati in precedenza sono rimasti come valori di riferimento.

Il supporto in area 1.8960, dopo essere stato violato è stato poi “retestato” come resistenza; in questa fase di retest, si è creata un’opportunità short che ha prodotto il gain sul cross GBP/NZD.

Tale opportunità è visibile sul grafico daily di seguito:

gbp/usd daily

si noti la pinbar d’inversione ribassista indicata dalla freccia: anche se essa chiude leggermente al di sopra del livello di resistenza, risulta essere un valido segnale operativo.

Il gain che produce successivamente, oltre ad essere evidente, mostra anche un rapporto risk/reward già oltre l’1:1.

Ti prego di lasciarmi un commento se ritieni interessante quest’articolo, grazie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.