Elezioni anticipate in Gran Bretagna. Break della Sterlina.

Inaspettatamente, nella giornata di ieri, la Premier britannica Theresa May ha annunciato le elezioni politiche per il prossimo 8 giugno.

Nei mesi scorsi la Signora May le aveva sistematicamente escluse, ecco perché tutta l’opinione pubblica è rimasta sorpresa dall’annuncio.

La Premier May ha motivato questo cambio di decisione alquanto repentino con il fatto che esistono troppe divisioni, a suo dire, tra i partiti dell’opposizione.

Tali divisioni rappresentano, sempre secondo la signora May, un elemento di debolezza in un momento in cui, invece, il Paese ha bisogno di unirsi per affrontare con maggiore forza e decisione il negoziato che dovrà portare il Regno Unito fuori dalla UE.

Una tale affermazione ha naturalmente avuto un impatto pressoché immediato sul Forex. C’è stato infatti un break della Sterlina che prima ha indugiato nei confronti delle principali valute; poi ha “accelerato” con decisione apprezzandosi in maniera consistente.

Questo apprezzamento si è avuto nei confronti di tutte le valute più importanti; di seguito riporto gli screenshot più significativi, vale a dire quelli relativi al grafico daily di GBP/USD…

grafico in cui, indicata dalle freccia, si vede la candela daily di ieri che ha mostrato un incremento di ben 287 pip;

e quello relativo al grafico GBP/AUD…

Di quest’ultimo riporto il weekly poiché oltre a notare l’apprezzamento della Sterlina nei confronti del Dollaro australiano, tale apprezzamento va anche contestualizzato.

Nello screentshot, infatti, si vede un lungo trend ribassista formare un triplo minimo in area 1.60. Da questo livello di supporto statico, poi, il prezzo ha cominciato a risalire e, complice anche la dichiarazione di ieri della signora May, c’è stato un importante apprezzamento che potrebbe essere l’inizio di un nuovo trend.

Insomma, il break della Sterlina potrebbe aver aperto nuovi scenari nel Forex, scenari che vanno continuamente monitorati aspettando che si formino spunti operativi da poter tradare.

Se quest’articolo ti è piaciuto ti prego di condividerlo, oppure lasciami un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.