Dopo il down della Sterlina ingresso short.

Dopo il down della Sterlina dei giorni scorsi, di cui ho scritto, si è concretizzata un’opportunità short sul pair GBP/USD. Ricordo brevemente quanto accaduto.

Venerdì 27 Aprile sono stati pubblicati i dati relativi alle stime del PIL del Regno Unito; dati pubblicati sia su base trimestrale che su base annuale.

Ebbene, i dati ufficiali sono stati al di sotto delle previsioni le quali, a loro volta, erano tendenti al negativo.

Questi dati negativi hanno provocato sul Forex un forte down della Sterlina nei confronti di tutte le principali valute.

Nel caso del pair GBP/USD, che già si trovava in fase ribassista a causa anche del forte apprezzamento della valuta americana, si è creata una situazione tecnica interessante che ha portato ad un buon trade short.

Di seguito lo screenshot daily di GBP/USD:

è evidente come, dalla metà di Aprile, e precisamente dal 17 del mese, sia in atto su GBP/USD una direzionalità fortemente ribassista.

Il prezzo ha rotto, ignorandolo completamente, il livello statico in area 1.4150 e, successivamente, anche il livello successivo in area 1.4000.

Su questo secondo livello, però, il prezzo ha indugiato e, una volta rotto, lo ha testato come resistenza.

Dopo qualche giorno di lateralità si può chiaramente notare la formazione della pinbar d’inversione ribassista; questa pinbar, anche se di poco, si mostra come un massimo relativo, il che accresce il suo valore a livello statistico.

Su questa pinbar, chi lavora secondo i principi classici della price action, ha inserito un ingresso a mercato di tipo short.

Il giorno successivo, a causa anche dei dati negativi sul PIL britannico, il prezzo ha mostrato il down della Sterlina di cui ho parlato all’ inizio di questo articolo; in tal modo, fin dal giorno successivo alla pinbar, si è potuto realizzare un gain superiore al rischio.

Senza essere particolarmente aggressivi, inoltre, e trovandosi già al di fuori del rischio capitale, si può essere ancora dentro l’operazione, massimizzando ancor più il gain acquisito.

Se quest’articolo ti è piaciuto ti prego di condividerlo, oppure puoi lasciarmi un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.