Differenze tra le coppie di valute.

Le coppie di valute, nel Forex market, hanno ovviamente caratteristiche completamente diverse tra loro. In questo articolo ne esamineremo le più importanti e vedremo nello specifico:

  • quali sono le differenza più importanti;
  • quali sono le coppie più tradate;
  • quali sono le valute maggiormente legate a particolari eventi;

Innanzitutto da questo momento in poi smetto di parlare di “coppie” di valute e parlerò invece di pair oppure cross. La differenza è presto spiegata: vengono definiti pair tutte le coppie che contengono il dollaro americano (USD). Inoltre, i pair che contengono il dollaro americano e alcune delle valute più importanti delle economie maggiormente sviluppate vengono definite major. Le major sono le coppie di valute maggiormente scambiate nel Forex market; esse sono:

  • EUR/USD (euro/dollaro)
  • AUD/USD (dollaro australiano/dollaro )
  • GBP/USD (sterlina/dollaro)
  • NZD/USD (dollaro neozelandese/dollaro)
  • USD/CHF (dollaro/franco svizzero)
  • USD/CAD (dollaro/dollaro canadese)
  • USD/JPY (dollaro/yen)

Bisogna anche aggiungere che, tra questi pair, ce ne sono tre che da soli rappresentano più del 50% degli scambi totali del Forex. Essi sono:

  • EUR/USD; GBP/USD; USD/JPY.

I cross, invece, come si può facilmente intuire a questo punto, sono tutte quelle coppie che non contengono il dollaro americano. Un esempio di cross potrebbe essere: EUR/JPY, GBP/JPY, EUR/NZD, ecc… I cross non fanno dunque parte della categoria delle major, tuttavia ci sono dei cross che hanno elevati volumi di scambio e che dunque sono molto seguiti dai traders professionisti. Essi sono:

  • AUD/JPY; EUR/JPY; GBP/JPY; NZD/JPY.

Dunque. Fin qui abbiamo imparato che le “coppie” di valute si distinguono in pair e cross e che tra di essi ce ne sono alcuni che sono maggiormente tradati rispetto a tutti gli altri.

Va comunque aggiunta ancora una cosa. Ci sono alcune valute che vengono soprannominate “commodity currency” poiché sono strettamente correlate all’esportazione di alcune materie prime; esse sono: AUD, CAD e NZD.

A questo punto ho un suggerimento per chi si appresta ad entrare nel mondo del Forex trading: all’inizio dell’attività è preferibile seguire pochi pair/cross e, soprattutto, evitare di concentrare l’attività su time frame troppo bassi. Nell’immediato, concentrarsi sulle major e sui cross principali può certamente bastare per svolgere un trading soddisfacente. Naturalmente senza dimenticare mai il Money Management senza il quale sarebbe tutto inutile.

Se questo articolo ti è piaciuto aiutami a condividerlo, se vuoi aggiungere qualcosa o fare qualche domanda sarò felice di leggere il tuo commento.

 


   One Comment


  1. Haroldfus
      5 Gen 2017

    the top post I’ve read

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.