Compromesso raggiunto in Gran Bretagna.


Compromesso raggiunto per Theresa May e il suo Governo, o almeno quello che ne resta.
Nella giornata di ieri, è stata votata la fiducia al Governo May dopo che un gruppo consistente dell’ala conservatrice del Parlamento aveva presentato una mozione per sfiduciare, appunto, il Governo e obbligare La Premier May alle dimissioni.
Ebbene, Theresa May è riuscita ad evitare il peggio; alla fine infatti ha superato il voto di sfiducia ed è rimasta al suo posto (non proprio saldamente).
200 parlamentari hanno votato contro la mozione di sfiducia, mentre 117 hanno votato a favore.
Tutto bene allora? Non proprio.
Theresa May, dopo aver saputo che il suo Governo sarebbe rimasto in carica, ha ufficialmente dichiarato che non si ricandiderà alle prossime elezioni politiche in programma nel 2022.
Come a dire: lasciatami terminare il mandato, lasciatemi proseguire con le trattative sulla Brexit anche se non le condividete e io vi prometto che al termine del mio incarico non mi ricandiderò.
Ecco perché ho parlato di compromesso raggiunto in Gran Bretagna.
Anche tra i brexiteers più tenaci c’è la consapevolezza che, al punto in cui stanno le cose, sostituire il Premier in carica, che ha comunque portato avanti le trattative con Bruxelles sulla Brexit, sarebbe una cura peggiore del male;
i tempi sono strettissimi, considerato che il 29 Marzo del 2019 parte di fatto la procedura di uscita della Gran Bretagna dalla UE.
Quindi, anche se molti esponenti del partito conservatore continuano a dichiararsi fortemente dissidenti nei confronti del Governo May, accettano loro malgrado che il Governo vada avanti.
Il segnale che hanno mandato alla Premier in carica è, però, di quelli molto forti.
Hanno di fatto ottenuto quello che volevano: la promessa che non si ricandiderà più.
Sul Forex la Sterlina ha preso una boccata d’ossigeno: nella giornata di ieri, infatti, la valuta britannica ha “guadagnato” 140 pips nei confronti del Dollaro americano.
Il contesto rimane ovviamente ribassista; nelle prossime settimane vedremo se quello di ieri è un rimbalzo tecnico o se prenderà il via una nuova fase di rialzo.
Ti prego di condividere questo articolo se ti è piaciuto, oppure di lasciarmi un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.