Buon ritracciamento sul cross EUR/JPY.

Il ritracciamento sul cross EUR/JPY, nell’ambito di una consolidata fase ribassista, sta assumendo una conformazione interessante;

mentre scrivo, infatti, si può notare come, nelle ultime 5 settimane, l’Euro sia risalito nei confronti dello Yen giapponese di circa 210 pips.

Numericamente non è un dato eccessivamente rilevante; lo è molto di più il fatto che, nelle ultime cinque settimane, appunto, il rialzo risulta essere costante.

Di seguito pubblico lo screenshot weekly di EUR/JPY:

 

eur/jpy
eur/jpy

la freccia nera verso il basso sta ad indicare l’inizio dell’attuale fase ribassista anche se, a dire il vero, osservando lo screenshot a livello “macro”, si può notare una fase di trend al ribasso precedente a quella attuale.

Tuttavia, essendo quest’ultima fase short comunque duratura (è iniziata lo scorso mese di settembre) essa può essere estrapolata dal contesto “macro” e analizzata in maniera indipendente.

Dal punto in cui inizia la fase ribassista, si può notare come il prezzo vìoli il supporto in area 130.00; questo genera la prima fase di trend.

Dopo di essa, il prezzo entra in una fase di lateralità evidenziata dal rettangolo di colore giallo. In questa fase il prezzo viene sistematicamente respinto dal supporto in area 127.90.

Una volta violato il supporto a 127.90 si crea la seconda fase di trend.

Dopo di essa, inizia la fase di ritracciamento sul cross EUR/JPY.

Perché nel titolo ho scritto che si tratta di un buon ritracciamento? Perché si tratta di una fase decisamente opposta al trend in atto e che, inoltre, punta decisamente verso la fascia di livello in area 127.30/127.90 che ora funge da resistenza.

In questo contesto, per chi pratica un trading di tipo trend following, l’andamento del trend ribassista va monitorato per verificare se la fase di controtrend si arresta proprio in prossimità della resistenza;

E’ chiaro che se la fascia di resistenza respinge il prezzo formando una pinbar d’inversione ribassista, su quest’ultima bisognerà pianificare un’entrata di tipo short; stando chiaramente attenti a non sbagliare il calcolo della size e, quindi, il Money Management.

Se quest’articolo ti è piaciuto, ti prego di lasciarmi un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.