Accordo lontano tra UK e UE, paga la Sterlina.

L’accordo lontano tra UK e UE spinge in basso la Sterlina. Ovviamente l’accordo di cui parlo è quello che riguarda la Brexit e, analizzando i fatti ad oggi, è un accordo che sembra davvero di difficile conclusione.

Il Governo britannico è in difficoltà perché, sostanzialmente, non riesce a trovare una linea di condotta comune al suo interno da presentare all’UE;

le recenti dimissioni di due ministri britannici, David Davis, delegato alla Brexit e Boris Johnson ministro degli esteri, hanno ulteriormente acuito questa spaccatura.

I due ministri dimissionari accusano il Governo di essere troppo morbido nella trattativa con l’UE, e di mostrarsi troppo incline alle richieste della Comunità Europea. In questo modo, secondo il fronte contrario al Primo ministro Theresa May, la Gran Bretagna sta diventando una colonia dell’UE.

A questo scenario di evidente stallo bisogna aggiungere il fatto che il tempo stringe: la Gran Bretagna deve concludere un accordo con l’UE entro il mese di Marzo 2019;

l’Unione Europea, però, ha bisogno di tempo, da quattro a sei mesi, per poter vagliare la proposta avanzata dalla UK. Da questo si capisce che il tempo a disposizione è davvero poco.

Il prossimo appuntamento tra le parti è previsto per il 20 settembre a Vienna, dove si spera che la situazione sia più chiara per tutti gli attori in gioco.

L’accordo lontano tra UK e UE spinge la Sterlina verso nuovi minimi; nei confronti del Dollaro americano, mentre scrivo, è quotata a 1.2700, minimo che non veniva toccato dal mese di Giugno 2017.

Nei confronti delle altre valute la situazione non è migliore; forti trend ribassisti caratterizzano i cross con la Sterlina; tutti i cross tranne GBP/NZD.

Nei confronti del Dollaro neozelandese, infatti, sussiste già dal mese di Ottobre dello scorso anno una situazione di sostanziale lateralità. In questo cross, in effetti, si confrontano due valute che, per motivi diversi, sono in fase di debolezza.

Al momento, comunque, non si registrano spunti operativi sui cross contenenti la Sterlina.

Se ti è piaciuto quest’articolo ti prego di condividerlo, altrimenti puoi lasciarmi un commento utilizzando il box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.