Più di 500 pip su aud/jpy con ingresso long.

Il cross aud/jpy ha offerto nell’ultimo mese un’opportunità molto valida di ingresso a mercato.
Questo cross infatti ha mostrato un pattern grafico molto pulito che ha offerto un’ottimo spunto.
In particolare, parliamo di un ingresso long.
Vediamo in dettaglio di che si tratta partendo dal grafico settimanale (W1).

aud_jpy_w1

Il cross aud/jpy, come si vede, è in trend rialzista. Tra i mesi di aprile 2013 e febbraio 2014
si sono formati un massimo e un minimo crescenti rispetto a quelli precedenti.
Questi quattro punti, evidenziati nell’immagine, hanno dato la possibilità di tracciare due trendline parallele che hanno definito un canale.
Come si vede, per molti mesi il tasso di cambio si è mosso all’interno di questo canale senza mai andare a toccare nessuna della due trendline ma continuando però a procedere nella sua fase rialzista.
Tutto questo fino al mese di ottobre 2014, quando il tasso di cambio di aud/jpy ha toccato la trendline inferiore.
Quello che è evidente è come dopo otto mesi di oscillazione il tasso di cambio si sia appoggiato proprio sulla trendline. Ok, ma tutto questo come si può tradurre in un’intervento a mercato? Vediamo la figura successiva.

aud_jpy_d1

Questa figura rappresenta il tasso di cambio sul grafico giornaliero (D1). Qui si vede come si sia formata una pin candle (in questo caso un hammer) graficamente perfetta. Non solo.
Essa si è formata proprio in prossimità di un importante trendline, come abbiamo visto prima. Questi due elementi insieme, ossia la pin che si forma in prossimità della trendline, ci danno il setup d’ingresso per un’entrata long. Il movimento seguente dell’aud/jpy risulta evidentemente molto deciso verso l’alto. Il punto d’ingresso viene preso in carico quasi subito e lo scatto repentino del cross consente all’operazione di andare molto velocemente in breakeven; in questo modo, lo ricordo sempre, si ha la possibilità di spostare lo stop loss oltre il punto d’ingresso e di non essere quindi a rischio capitale.

Se quest’articolo ti è piaciuto, aiutami a diffonderlo, oppure scrivi un tuo commento nel box in basso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.