317 pip grazie alla flag

317 pip grazie alla flag! Il movimento ribassista sull’ eur/usd, che si è innescato a maggio continua ad essere molto sostenuto e ad offrire buoni spunti operativi. Nei precedenti articoli ho descritto passo passo un’operazione, sempre sull’ eur/usd, partita sfruttando una congestione. Un’operazione short. Di questa operazione ho scritto un’articolo anche sulla rivista www.forexinfo.it di cui trovi il link in basso (Trading con le congestioni sul mercato Forex). Chi è riuscito a rimanere nell’operazione grazie ad una corretta gestione in trailing dello stop loss ha avuto la possibilità di piramidare l’operazione.  Anche su questo ho scritto un articolo su forexinfo.it (In caso di trend ribassista su eur/usd è possibile piramidare) in cui spiego cosa significhi piramidare e come si riconosca una flag. Di seguito l’immagine che spiega il punto esatto in cui va inserito l’ordine.piramidare

Come si vede chiaramente dall’immagine, dopo la flag, che si è creata per la presa di profitto di molti trader, il pair eur/usd ha continuato la sua discesa consentendo, ad oggi un profitto di 317 pip! Una saggia gestione dello stop loss, a mio giudizio, è sempre quella di spostarlo in trailing in modo da “seguire” passo passo il movimento del pair e massimizzare il profitto.

Nota: nella sua discesa repentina l’ eur/usd ha rotto senza indugi tutti i supporti storici. A questo punto, guardando i time frame di riferimento, la corsa del pair principale del Forex market sembra senza freni; potrebbe raggiungere in breve tempo area 1.20? Stiamo a vedere. Tenendo sempre bene in mente che un buon trader non fa previsioni: osserva il mercato e agisce di conseguenza coerentemente con le proprie regole ed il proprio trading plan.

Se questo articolo ti è risultato utile aiutami a diffonderlo. Se ritieni di dover fare dei commenti o di condividerne i contenuti scrivimi pure. Buon trading!

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.